nuovo-studio-sui-lockdowns:-un-verdetto-devastante

NUOVO STUDIO SUI LOCKDOWNS: UN VERDETTO DEVASTANTE

E Bingo, dopo lo studio sul distanziamento sociale del MIT, il primo  metastudio sulle mascherine facciali, ecco un altro mega-studio sul lockdown come misura protettiva. 

************

Nuovo studio sui lockdowns: i danni sono significativamente più alti dei benefici

Un verdetto devastante

Di Christian Euler

Quasi in tutto il mondo, il lockdown è visto come se fosse una panacea quando si tratta di contenere il coronavirus. Mentre la Germania sta impacchettando il potere decisionale nelle mani del governo e mentre alcuni paesi vicini stanno proponendo la prospettiva di una fine dello stato di emergenza, un nuovo metastudio giunge a una conclusione devastante. Il danno causato dalle misure rigide è molto più elevato del rispettivo beneficio.

“Costi/benefici di Covid Lockdown”: Una valutazione critica delle pubblicazioni”, è il titolo dello studio di 55 pagine dell’economista canadese Douglas W. Allen, che insegna alla Simon Fraser University di Burnaby, Canada. In esso, l’economista valuta 80 studi accademici sulla pandemia da Coronavirus.

“Gran parte della ricerca sul Covid-19 si basava su ipotesi errate che sovrastimavano i benefici del lockdown e sottostimavano i costi”, sottolinea Allen, “così la maggior parte dei primi studi ha raggiunto conclusioni che sono state smentite dai dati successivi”.

La politica ha largamente ignorato la mutata situazione degli studi

Le analisi degli ultimi sei mesi, dice, hanno dimostrato che il lockdown ha avuto al massimo un effetto marginale sul numero di morti del Covid 19. Secondo Allen, la mancanza di efficacia delle misure di lockdown spiega perché, dopo un anno, il numero cumulativo di decessi a priori e l’andamento dei decessi giornalieri per milione di abitanti non sono negativamente associati alla gravità dei lockdown nei diversi paesi.

Sorprendentemente, anche se più di 40.000 articoli sono stati scritti sull’argomento da quando la crisi è scoppiata, coprendo ogni concepibile aspetto del Covid-19, la risposta dei media, della salute pubblica e della politica è stata unilaterale, incompleta e per un anno quasi immutata, secondo Allen. “Guardando i lockdowns, i politici hanno in gran parte mantenuto le misure della primavera 2020 quest’anno, ignorando ciò che è stato imparato nel frattempo”.

L’economista conferma anche quello che da tempo è diventato un luogo comune in questo paese: ” Nel momento in cui i risultati degli studi che contraddicevano il punto di vista del governo sono stati condivisi sui social media, sono stati spesso cancellati dalle piattaforme dei social media”.

Uno dei più grandi fallimenti politici in tempo di pace

Già nel mese di agosto, ha detto Allen, c’erano abbastanza informazioni per dimostrare che qualsiasi ragionevole analisi costi-benefici avrebbe mostrato che l’isolamento stava facendo più male che bene: “È inappropriato sostenere che una decisione ragionevole non avrebbe potuto essere presa in autunno, quando la seconda ondata di infezioni è arrivata”.

Nel frattempo, l’economista americano Bryan Caplan, che lavora al think tank Mercatus Center della George Mason University a Fairfax, ha tentato di quantificare l’inutilità dei lockdowns. La base è la domanda: a quanta aspettativa di vita all’anno dovrebbe rinunciare un canadese medio affinché il costo del lockdown eguagli il beneficio?

Caplan calcola il rapporto costi-benefici del blocco in Canada con un valore di 3,6 o 282, a seconda dello scenario. Il suo approccio va oltre lo spazio di qui, ma per chi è interessato, può leggerlo qui, a partire da pagina 41. L’economista Allen del Simon Fraser conclude: “Questo significa che il lockdown potrebbe passare alla storia canadese come uno dei più grandi fallimenti politici in tempo di pace”.

La probabile reazione del governo federale (ndr tedesco) confermerà il nuovo metastudio: Merkel & Co. lo ignorano e si attengono alle loro politiche. In alternativa, potrebbero impedire l’accesso allo studio.

Christian Euler si occupa intensamente di giornalismo finanziario ed economico dal 1998. Dopo aver lavorato per Börse Online a Monaco e come corrispondente per “Focus” a Francoforte, dal 2006 scrive come scrittore di investimenti e autore freelance per il gruppo “Welt”, Cash e il Wiener Börsen-Kurier, tra gli altri.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria 

FONTE https://reitschuster.de/post/neue-studie-zu-lockdowns-schaeden-deutlich-hoeher-als-ihr-nutzen/

Qui lo studio:

Covid Lockdown Cost/Benefits:

A Critical Assessment of the Literature

Douglas W. Allen∗

ABSTRACT

An examination of over 80 Covid-19 studies reveals that many relied on assumptions that were false, and which tended to over-estimate the benefits and underestimate the costs of lockdown. As a result, most of the early cost/benefit studies

arrived at conclusions that were refuted later by data, and which rendered their cost/benefit findings incorrect. Research done over the past six months has shown that lockdowns have had, at best, a marginal effect on the number of Covid-19 deaths. Generally speaking, the ineffectiveness of lockdown stems from voluntary changes in behavior. Lockdown jurisdictions were not able to prevent noncompliance, and non-lockdown jurisdictions benefited from voluntary changes in behavior that mimicked lockdowns. The limited effectiveness of lockdowns explains why, after one year, the unconditional cumulative deaths per million, and the pattern of daily deaths per million, is not negatively correlated with the stringency of lockdown across countries. Using a cost/benefit method proposed by

Professor Bryan Caplan, and using two extreme assumptions of lockdown effectiveness, the cost/benefit ratio of lockdowns in Canada, in terms of life-years saved, is between 3.6–282. That is, it is possible that lockdown will go down as one of the greatest peacetime policy failures in Canada’s history.

April 2021 http://www.sfu.ca/~allen/LockdownReport.pdf

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *