omicidio-cerciello:-ergastolo-per-i-due-americani-elder-e-hjorth

Omicidio Cerciello: ergastolo per i due americani Elder e Hjorth

Omicidio Cerciello: ergastolo per i due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth

ROMA- Una sentenza molto attesa quella relativa ai due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth, accusati di aver ucciso il vicebrigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega con undici coltellate.

Stando alla ricostruzione delle dinamiche del tragico accaduto, era la sera del 26 luglio 2019, quando il vicebrigadiere Cerciello Rega, insieme al collega Varriale stava svolgendo un’operazione, scattata per il furto di uno zaino, che era stato denunciato da Sergio Brugiatelli, intermediario dei due giovani americani e un pusher per l’acquisto delle sostanze stupefacenti.

Quel giorno, i due imputati Elder e Hjorth si trovavano a Trastevere alla ricerca di cocaina.

Dopo aver acquistato la sostanza, si sarebbero accorti di aver acquistato della tachipirina, quindi per ottenere indietro sia la droga che i soldi, i due americani avrebbero deciso di appropriarsi dello zaino.

Una volta dai Carabinieri, Brugiatelli avrebbe concordato un appuntamento con i due ragazzi, ma all’incontro si presentarono il vice brigadiere Cerciello Rega ed il collega Varriale, che hanno tentato di bloccare i due americani.

Durante il fermo però, Elder avrebbe tirato fuori un coltello, per poi scagliarsi contro Cerciello Rega, ferendolo a morte con undici coltellate.

A seguito del tragico accaduto, i due americani sarebbero poi fuggiti verso l’hotel Meridien di via Cesi, dove sono stati rintracciati e arrestati.

Dopo un lungo processo iniziato a febbraio 2020, è finalmente giunta la sentenza.

I giudici della prima corte d’Assise di Roma, dopo oltre tredici ore di camera di consiglio, hanno deciso di confermare la condanna all’ergastolo, richiesta dal pm Maria Sabina Calabretta.

Durante la lettura della sentenza, nell’aula bunker di Rebibbia, la moglie di Mario Cerciello Rega è scoppiata in lacrime, insieme ai familiari del vice brigadiere, che hanno sempre sostenuto la donna fin dal primo istante del drammatico fatto.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *