overlight-e-overbox,-la-magia-del-vetro-ivv

OVERLIGHT E OVERBOX, LA MAGIA DEL VETRO IVV

Rimane ancora un po’ incerta, misteriosamente nascosta fra le pieghe di una trama millenaria che ha accompagnato silenziosamente lo sviluppo delle civiltà umane: la storia del vetro si appella a leggende, trattati e documenti storici, supportata da reperti archeologici di emozionante valore che portano a supporre un primo utilizzo di tale materiale come decorazione e non come utensile. Nato probabilmente per caso, il vetro è entrato nella dimensione quotidiana dell’essere umano per rimanerci stabilmente e subire con lui le modifiche del tempo.

La prima finalità di tali produzioni, dunque, pare fosse proprio quella estetica. Partendo probabilmente da questa natura irrevocabile, alcuni artigiani del vetro hanno scelto di non abdicare mai a tale criterio, soddisfacendo il piacere dell’occhio oltre alla funzionalità oggettistica con le loro opere. È il caso di IVV, Industria Vetraria Valdarnese, storica azienda produttrice non semplicemente di strumenti in vetro ma bensì di oggetti esteticamente belli, capaci di assolvere a un compito funzionale tanto quanto a uno decorativo. Non solo la mano dell’artigiano, ma anche la sensibilità e la delicatezza dell’artista determinano i profili degli oggetti in vetro firmati da IVV.

OverBox

Nata nel 1952 da un gruppo di maestri vetrai a San Giovanni Valdarno in Toscana, l’Industria Vetraria Valdarnese nel tempo si è fatta conoscere per l’abilità con cui reinterpreta l’andamento dei tempi attraverso le proprie produzioni in vetro, in una chiave di design fra le più sofisticate. Ne sono un esempio le ultime creazioni, progettate da Marta Sansoni per IVV: OverLight e OverBox.

OverLight

OverLight è una collezione realizzata in vetro trasparente e sabbiato. Si compone di un centrotavola-alzata e una lampada da tavolo wireless, sintetizzate in un unico oggetto. La base trasparente e sabbiata può essere riempita di acqua e fiori per rendere l’effetto visivo ancora più scenico e decorativo, esaltato ulteriormente dalla sorgente luminosa contenuta nella struttura, che ha un’autonomia di sei ore ed è ricaricabile come un normale smartphone. Nella parte superiore, invece, si trova un’alzata, perfetta per contenere piccoli cibi dolci o salati e stuzzichini di ogni genere, portando in tavola qualunque cosa con un tocco di raffinatezza ed eleganza.

OverBox

OverBox invece è una collezione in vetro trasparente che propone una molteplicità di pezzi pensati per la combinazione a incastro. Si tratta di contenitori e scatole in vetro con due diametri e differenti capacità, la cui finalità è quella di conservare – con stile e praticità – gli alimenti o di mantenerli caldi, ma anche semplicemente di presentarli in tavola. Tali recipienti possono essere utilizzati singolarmente oppure essere impilati creando un comodo accorpamento dei vari pezzi. I coperchi di ogni scatola possono inoltre essere impiegati come piatti da portata, per mantenere una coerenza di stile e design in ogni parte della tavola. La collezione si completa con una campana di vetro da utilizzare in combinazione con i contenitori per coprire le torte o per realizzare un bellissimo e scenografico servizio al tavolo di qualunque pietanza. La praticità di questi recipienti sta anche nella possibilità di estrarli dal frigorifero, immetterli nel microonde e portarli in tavola direttamente entro lo stesso contenitore, semplificando così una serie di passaggi e rendendo ognuno di essi estremamente elegante nella sua cornice estetica e di design.

Il “saper fare” degli artigiani è qualcosa di paragonabile a nient’altro, in qualunque settore o campo lo si applichi. Quello del vetro, in particolare, richiede una delicatezza estrema. Una caratteristica, questa, che si ritrova nella qualità dei materiali marchiati IVV e nei loro contorni, definendo un design e una solidità che risuonano nel panorama artigiano come una firma.

 

ivvnet.it

L’articolo OVERLIGHT E OVERBOX, LA MAGIA DEL VETRO IVV proviene da James Magazine – High Things, tra Bellezza, Arte e Champagne. Autore: Sofia Landoni

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *