papa-francesco-in-iraq,-oggi-a-erbil-e-mosul,-ex-roccaforte-di-isis:-‘tempesta-disumana-in-culla-civilta.-fraternita-piu-forte-del-fratricidio’

Papa Francesco in Iraq, oggi a Erbil e Mosul, ex roccaforte di Isis: ‘Tempesta disumana in culla civiltà. Fraternità più forte del fratricidio’

In questa città più di 120mila cristiani sono fuggiti in una sola notte per non essere uccisi durante l’occupazione dello Stato Islamico, così a Mosul Bergoglio ha voluto pregare per le vittime della guerra. E ha ringraziato le donne irachene: “Continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite”

“Oggi, malgrado tutto, riaffermiamo la nostra convinzione che la fraternità è più forte del fratricidio, che la speranza è più forte della morte, che la pace è più forte della guerra. Questa convinzione parla con voce più eloquente di quella dell’odio e della violenza e mai potrà essere soffocata nel sangue versato da coloro che pervertono il nome di Dio percorrendo strade di distruzione”. Da Mosul, dove l’Isis proclamò la nascita del Califfato, arriva l’ultimo forte appello di Papa Francesco nel suo terzo e ultimo giorno in Iraq. In questa città più di 120mila cristiani sono fuggiti in una sola notte per non essere uccisi durante l’occupazione dello Stato Islamico. A Mosul Bergoglio ha voluto pregare per le vittime della guerra.

“Com’è crudele – ha affermato il Papa – che questo Paese, culla di civiltà, sia stato colpito da una tempesta così disumana, con antichi luoghi di culto distrutti e migliaia e migliaia di persone, musulmani, cristiani, yazidi e altri, sfollati con la forza o uccisi”. Da qui la preghiera del Papa: “Se Dio è il Dio della vita, e lo è, a noi non è lecito uccidere i fratelli nel suo nome. Se Dio è il Dio della pace, e lo è, a noi non è lecito fare la guerra nel suo nome. Se Dio è il Dio dell’amore, e lo è, a noi non è lecito odiare i fratelli”. E ha aggiunto: “Preghiamo anche per tutti noi, perché al di là delle appartenenze religiose possiamo vivere in armonia e in pace, consapevoli che agli occhi di Dio siamo tutti fratelli e sorelle”.

Francesco ha poi visitato la comunità di Qaraqosh, nella chiesa dell’Immacolata concezione. Da questo piccolo villaggio cristiano della Piana di Ninive arriva l’aiuto ai cristiani sfollati affinché possano tornare nelle loro terre. “Questo nostro incontro – ha spiegato il Papa – dimostra che il terrorismo e la morte non hanno mai l’ultima parola”. Bergoglio ha sottolineato, inoltre, che “il perdono è necessario da parte di coloro che sono sopravvissuti agli attacchi terroristici. Perdon, questa è una parola-chiave. Il perdono è necessario per rimanere nell’amore, per rimanere cristiani. La strada per una piena guarigione potrebbe essere ancora lunga, ma vi chiedo, per favore, di non scoraggiarvi. Ci vuole capacità di perdonare e, nello stesso tempo, coraggio di lottare. So che questo è molto difficile. Ma crediamo che Dio può portare la pace in questa terra. Noi confidiamo in lui e, insieme a tutte le persone di buona volontà, diciamo ‘no’ al terrorismo e alla strumentalizzazione della religione”.

Da Francesco l’invito a lavorare insieme per la ricostruzione “nel rispetto delle differenze, delle diverse tradizioni religiose, nello sforzo di costruire un futuro di unità e collaborazione tra tutte le persone di buona volontà”. Con un pensiero particolare per le donne irachene: “Vorrei dire grazie di cuore a tutte le madri e le donne di questo Paese, donne coraggiose che continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite. Che le donne siano rispettate e tutelate! Che vengano loro date attenzione e opportunità!”. A Erbil, dove è stato accolto dal presidente e dal primo ministro della regione autonoma del Kurdistan iracheno, l’ultima tappa del viaggio del Papa in Iraq con celebrazione della messa nello Stadio Franso Hariri.

Twitter: @FrancescoGrana

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Ostia, pregiudicato si presenta all’ospedale con una proiettile nel petto: indagano i carabinieri

next


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *