piccoli-spazi-a-parigi,-25m2-di-serenita-e-di-verde-nel-cuore-di-montmartre

Piccoli spazi a Parigi, 25m2 di serenità e di verde nel cuore di Montmartre

Piccoli spazi a Parigi. Le due finestre si affacciano sul verde di un giardino alberato e lasciano entrare molta luce, facendo intravedere la cupola della Basilica del Sacro Cuore. Vaso (Hay), piatti (Merci). Le tende di lino e la sedia sono cimeli di famiglia. Termosifone (Varela).

© BCDF Studio

Si trova in un ex convento, questo piccolo appartamento sulla Butte Montmartre,  molto luminoso, anche se è al secondo piano. Basta aprire una porta e ci si trova in un giardino. “La luce e la valorizzazione di questo ambiente, unico a Parigi, sono state le prime richieste dei proprietari”, spiega l’architetto Céline Boclaud di Boclaud Architecture. Per quello che doveva diventare un pied-à-terre per i genitori e un appartamento per la figlia studentessa, gli architetti hanno semplificato la pianta molto frammentata – una cucina, un bagno, toilette separate e un living piccolo – unendo i bagni e collocando la cucina nella stanza principale per creare un vero e proprio spazio giorno. Poiché l’appartamento è tutto orientato verso la stessa direzione, la camera da letto è stata installata nella zona giorno, dietro una grande parete in vetro con cornice scura per beneficiare della luce che penetra dalle due finestre del living.

Atmosfera luminosa e toni soft nel living. Sopra il divano (Maison du convertible), applique (Chiara Colombani). Plaid (Le Monde Sauvage).

© BCDF Studio

Far entrare la luce

Il pavimento in parquet originale, “piuttosto grazioso e grafico”, tipico degli anni ‘60, è stato levigato e mantenuto. Céline Boclaud ha abbinato il pavimento chiaro a pareti dipinte di bianco e ha creato un contrasto con i mobili bassi in noce scuro della cucina, nel tentativo di definire i diversi spazi della zona giorno. “Ho lavorato sui contrasti, la cucina con il piano di lavoro in granito e i frontali in noce scuro nello stesso colore della grande finestra divisoria della camera da letto…”. Ultima nota in una tonalità scura, nell’ingresso rivestito di specchi, è una piccola panca marrone i cui moduli alti e bassi si rispondono a vicenda e dialogano con la geometria del parquet, in un gioco di rettangoli con le porte a specchio.

Related Posts