primavera-monza-–-fatale-all’ottimo-monza-l’ultimo-quarto-d’ora,-hellas-ancora-primo

Primavera Monza – Fatale all’ottimo Monza l’ultimo quarto d’ora, Hellas ancora primo

Monza-Hellas 2-4 (2-1)

Marcatori: 26′ Pio Loco (M) 31′ Jocic (H) 44′ Dalmiglio (M) 74′ Yeboah (H) 79′ Jocic (H) 86′ Kolind (H)

Monza: Mazza, Vallisa, Falzoni, Pio Loco (70′ Caizza), Cattaneo, Robbiati, De Paoli, Salducco (85′ Prinelli), Dalmiglio (85′ Castaldo), Calabrò (70′ Magli), Faye (18′ Longo) All. Allegretti (Ravarelli, Savino, Battistelli, Moracchioli, Riva, Cusati, Donati)

Hellas: Aznar, Furnari (31′ Pierobon), Bernardi, Coppola, Squarzoni (60′ Astrologo), Ilie, Bertini (79′ Bragantini), Terracciano, Yeboah, Jocic (86′ Ferrarese), Kolind All. Corrent (Ogliani, Diaby, Bracelli, Calabrese, Agbugui, Turra, Cancellieri, Florio)

Arbitro: Sig. Taricone di Perugia (Palla e Pinna)

Ammonito: Salducco (M)

Finale di stagione che chiede ai ragazzi di Allegretti concentrazione e risultati di prestigio: il primo ostacolo è la capolista Hellas, impetuosa nella gara di andata e reduce da otto vittorie di fila, l’ultima (3-2 al Parma secondo, a bersaglio Bertini, Cancellieri e Yeboah) delle quali valsa il primato.

Aggregati Colferai, Rubbi, Saio e Signorile alla Prima Squadra, degli undici di Pordenone vengono confermati in sei: la dorsale è dei classe 2002, tra i pali c’è il classe 2004 Mazza e due classe 2003 di movimento, Falzoni e Salducco; pure tra i gialloblu sono sei i confermati dopo Collecchio.

Il Monza disputa un gran primo tempo, chiuso in vantaggio 2-1: squadra raccolta e pronta a controbattere all’approccio offensivo degli ospiti, che non prendono affatto sottogamba l’impegno.

Da annotare al 20′ il cambio obbligato nell’attacco monzese: fuori per infortunio Faye, dentro Longo con spostamento di Dalmiglio sull’esterno sinistro; al 26′ cambio di gioco di Salducco per Vallisa, adattato per l’occasione terzino, palla a Pio Loco che, controllato di destra il pallone, trova con un rasoterra l’angolino sul palo opposto.

Il pareggio dopo una manciata di minuti è esecuzione in fotocopia: Jocic finta a rientrare di destro e incrocia all’angolino di sinistro.

Pio Loco è ancora protagonista poco prima del duplice fischio: imbucata in diagonale per Dal Miglio, abile nel taglio in profondità alle spalle di Furnari e nel tiro sul primo palo, che ne premia la crescita, dovuta alla continuità di gioco.

Nella ripresa Yeboah è subito imbeccato da Bertini: il tiro è a fil di palo, ma non inquadra lo specchio della porta; più avanti è sempre il ghanese a invitare Mazza all’intervento.

Nell’ultimo segmento di gara il ribaltone dell’Hellas: sulla sinistra lob di Kolind e sul secondo palo Yeboah insacca di testa sottomisura; in un’azione simile Bernardi pesca quindi il serbo Jocic per la personale doppietta; chiude infine i conti il danese Kolind, chiamato a depositare in porta la giocata sul vertice destro di Bragantini.

Il Monza paga la minore intensità (nel corso dei minuti sono vittima di crampi Dalmiglio, Pio Loco e Salducco) generale e il minore dinamismo della coppia in mediana Caizza-Magli, chiamati a reggere da subentranti ritmi alti.

Sabato è ancora sfida a una scaligera: biancorossi ospiti del Chievo, reduce dal 3-1 all’Udinese e secondo migliore attacco (45 gol) del lotto, proprio dietro i cugini.

FONTE FOTO: AC MONZA

Antonio Sorrentino

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *