primo-weekend-d'autunno,-le-10-migliori-gite-sul-lago-di-como

Primo weekend d'autunno, le 10 migliori gite sul Lago di Como

Primo weekend d’autinno con tempo incerto e forse anche qualche pioggia. Ecco comunque i nostri suggerimenti, oltre agli eventi che trovate in questa pagina, tra le innumerevoli gite e passeggiate che si possono fare sul lago di Como. Qualche meta per trascorrere ancora all’aperto questo ultmo fine settimana di settembre. Una guida con tutte le escursioni sul Lario: in montagna, al lido, in spiaggia. E ancora un aperitivo e una cena con vista mozzafiato.

1 . Pian d’Alpe

erbonne mp-2

La Val d’Intelvi è un luogo che non finisce di regalare magnifiche occasioni per chi desidera camminare nella natura alla ricerca di panorami mozzafiato. Nelle scorse settimane vi abbiamo portato a San Zeno, poi a Orimento e infine a Erbonne. Da questo magico borgo (foto sotto) siamo ripartiti per raggiungere Pian d’Alpe, un’altra vetta dalla quale il lago di Como si mostra da un’insolita angolatura che mette in fila l’isola Comacina, punta del Balbianello e Bellagio Una vista meravigliosa che si manifesta dopo una facile camminata in lieve salita attraverso il sentiero indicato all’interno dell’agglomerato di Erbonne. In poco meno di un’ora si arriva a circa 1000 metri dal’altitudine, dove Pian d’Alpe offre la sua prospettiva unica sul Lario. Da qui si può ripartire per uno dei rifugi storici dei monti lariani, il Prabello, attraverso mulattiere nel bosco e sentieri attorniati da larici. Grazie a questo inverno mite e con poca neve, anche in questa stagione tutti possono raggiungere facilmente la meta. Continua

2 . Panchine giganti

panchima gigante mp-2

Spuntano un po’ ovunque e ovviamente anche il lago di Como non poteva sottrarsi alla moda della Big Bench, ovvero le panchine giganti installate in punti panoramici. Tra le più note sul Lario certamente quella di Bellagio in località Civenna. L’opera, inaugurata sabato 22 maggio, rientra nel Big Bench Community Project (BBCP), ideato dal designer Chris Bangle e da sua moglie Catherine, entrambi cittadini del Comune piemontese di Clevasana, in provincia di Cuneo. Si tratta di un progetto senza scopo di lucro la cui finalità è la promozione del territorio e delle sue peculiarità artigianali in cui le panchine giganti vengono installate. Il concetto alla base dell’idea artistica è quello di proporre un nuovo modo di ammirare il territorio. Il tutto è partito dalle Langhe dove Bangle ha realizzato la prima panchina. Continua.

3 . Eremi e Santurari

3 lago como san zeno - valerio carletto-2

“E con te passare il giorno a visitar musei, monumenti e chiese parlando inglese. E tornare a casa a piedi dandoti del lei”. Perfettamenti aderenti al credo battistiano, abbiamo pensato di raccogliere in questa nuova guida i nostri “viaggi sacri”. Il meglio delle chiese e dei santuari che abbiamo visitato e fografato per voi in questi mesi trascorsi sul nostro meraviglioso lago di Como. Angoli di rara bellezza da cui si godono panorami mozzafiato soprattutto in primavera. E allora ecco le dieci meraviglie del cielo che proteggono il Lario. Partiamo? Perchè no. Continua.

4 . Torre del Soccorso

Torre del Soccorso, Ossuccio, Tremezzina  (CO)_Foto Roberto Morelli_2019_(C) FAI - Fondo Ambiente Italiano (1)[54896]-3

La  Torre del Soccorso, bene di proprietà del Fai, si erge con la sua massiccia mole quadrangolare in pietra di Moltrasio, ben riconoscibile fra la vegetazione che ricopre il monte Gravona a ridosso dell’Isola Comacina. La costruzione domina il panorama del lago fin dalla sua edificazione, avvenuta fra il XII e il XIII secolo, come parte di un sistema fortificato più ampio, che comprendeva il castello dell’Isola Comacina e le strutture difensive di Sala, Lezzeno e Cavagnola. Nel XII secolo i comaschi, rivali degli abitanti dell’isola a quell’epoca alleati della città di Milano, colpirono a più riprese e resero inservibili le fortificazioni di questa zona. La Torre del Soccorso conobbe quindi per i successivi otto secoli un periodo di profonda decadenza e abbandono, terminato solo nel 1954 per iniziativa di Clemente Bernasconi, già direttore della Soprintendenza ai Monumenti della Lombardia. Continua

5 . Castello San Lorenzo

castello san lorenzo nesso-2

A Como dici castello e pensi Baradello. Tuttavia sul Lario ci sono castelli altrettanto interessanti. Ad esempio quelli di Rezzonico e Vezio o del  borgo di Corenno di cui vi abbiamo già raccontato la loro storia. Oppure quello di San Lorenzo a Nesso del quale vi parliamo oggi.  Il castello dà il nome a una delle principali frazioni di Nesso e ne rappresenta una parte importante della storia: demolito e ricostruito più volte nelle battaglie che infuriarono sul lago di Como tra l’XI e il XVI secolo, oggi i suoi resti sono caratterizzati da tre torri edificate nel 1800. Tra gli altri punti di interesse troviamo a contigua chiesa di San Lorenzo, da cui lo stesso castello prende il nome, e un orto privato da cui si può ammirare il castello. Continua

6 . Sasso Martino

griante san martino-2

Un altro luogo incantato del lago di Como appena sopra Griante. Il Santuario della Beata Vergine delle Grazie al Monte San Martino è adagiato su un balcone naturale da cui si gode una vista unica del Lario. La chiesetta esisteva già alla fine del XVI secolo ed era stata battezzata San Martino al Monte. Attorno alla metà del XVII secolo ricevette infine l’attuale nome e titolo. Accadde quando una pastorella in cerca d’acqua trovò casualmente la statua della Madonna in una caverna, ora conosciuta come “Buco della Madonna”; la statua lignea, finemente rifinita e probabilmente risalente al tardo Quattrocento, fu portata in paese, ma la leggenda narra che il manufatto fu miracolosamente ritrovato di nuovo sulla montagna. Un secolo prima, la zona era devastata da soldati e mercenari delle nazioni Riformate: conseguentemente, si pensa che molte immagini furono nascoste per evitarne la profanazione. Continua.

7 . I percorsi in trincea

trincee como-3

Le montagne attorno a Como sono luoghi ricchi di paesaggi meravigliosi e storia ma anche il luogo in cui si sono consumate vicende avventurose di soldati ma anche di contrabbandieri e briganti. In questa terra di confine, le montagne a due passi dal centro della città sono state scavate per ospitare trincee, fortini e nascondigli. Le trincee e le postazioni militari realizzate sul Sasso di Cavallasca durante i primi anni del ‘900, per bloccare una possibile invasione nemica passando dalla neutrale Svizzera, non divennero mai teatro di guerra ma rimangono ancora oggi una inestimabile testimonianza del periodo storico della Grande Guerra nel Comasco. Un percorso raccontato, fotografato e descritto da Andrea Burzì, Guida Ambientale Escursionistica. Altri cammini ricchi di fascino e storia li trovate suò suo sito

8 . Rifugio Sev

rifugio sev facebook-2

Nella zona di Pianezzo, a fianco dei Corni di Canzo, meta abituale degli escursionisti del territorio lariano, è situato il rifugio della Società Escursionisti Valmadreresi; iniziato nel 1957 e terminato nel 1964 grazie al contributo di numerosi soci volontari. La struttura, un’ottima costruzione a due piani che domina un ampio e caratteristico paesaggio, è aperta tutti i sabati e le domeniche, oltre che durante il periodo estivo del mese di agosto e tutti i mercoledì da marzo ad ottobre e ha una disponibilità di 75 posti letto. Posti letto: 75; posti pranzo: 100; posti tavola esterni: 3; posti locale invernale: 1. Nel 1949 tre soci della Sev conquistarono la vetta al Monte Rosa e per la prima volta la società lariana portò il suo vessillo a quota 4500 metri. Dopo quasi 3 anni dalla sua fondazione mancava ancora qualcosa che desse le vere caratteristiche alla società, mancava quel piccolo vessillo, sormontato da corda e piccozza per dare la completa struttura a quell’idea voluta da una grande passione per le vette. Continua.

9 . A Pigra in funivia

funivia pigra2-2

Forse il mezzo più veloce, idrovolanti a parte, per osservare il lago di Como dall’alto. La realizzazione della funivia Argegno-Pigra, ad opera della Ditta Badoni, permette infatti di raggiungere in solo 4 minuti, superando un dislivello di 648 metri, il più bel terrazzo esistente nelle prealpi Comasche. Due cabine da 12 posti si alternano lungo un percorso che ha pendenze notevoli, dal 71% al 95%, e permettono al viaggiatore di godere di un’incomparabile vista sul lago e sui monti circostanti. L’importanza di quest’opera non è certo solo turistica, infatti, essa costituisce ancora oggi un vero e proprio cordone ombelicale fra il paese, Pigra, e la riva del lago dove vi è la possibilità di raggiungere Como o Bellagio tramite i battelli della navigazione del lago di Como. Rimane inoltre la funivia più ripida d’Italia (non tenendo in considerazione la piccola funivia del Santuario del Sacro Monte di Varallo). Continua

10 . Soldino

laglio borgo soldino 1

Laglio è divenuta famosa nel mondo da quando, ormai diversi anni fa George Clooney ha acquistato la sontuosa Villa Oleandra. Il pellegrinaggio in questo piccolo paese del lago di Como è ormai quotidiano. Lunghe file di turisti si avvicendano soprattutto nei giorni di weekend per un selfie con la casa della star di Hollywood a fare da sfondo.  Ed è però possibile che a molti di loro, in preda alla febbre da vip, sia sfuggito di visitare l’antico borgo di Soldino (una delle cinque storiche frazioni di Laglio) che si raggiunge anche attraverso la splendida Via Verde, si arrampica alle spalle della villa dell’attore originario di Lexington, Kentucky. Ed è un peccato perché Soldino ha una infinità di angoli interessanti, con tutti i tratti tipici dei borghi del Lago di Como: stradine strette, tracce di vecchi mestieri, porte e muri della case che segnano il tempo. Cunicoli bassi che si aprono a piccole piazze dove la cura e la grazie dei dettagli sono assolutamente da ammirare. Continua.

Tutti i Mercatini in città

Tutti gli eventi in città

Related Posts