raccoglieremo-tempesta

RACCOGLIEREMO TEMPESTA

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti che ha prestato servizio nell’ex Unione Sovietica attuando trattati sul controllo degli armamenti, nel Golfo Persico durante l’operazione Desert Storm e in Iraq supervisionando il disarmo delle armi di distruzione di massa. Il suo libro più recente è Disarmament in the Time of Perestroika , edito da Clarity Press.

Questo è ciò a cui il mondo è arrivato: una folle corsa verso l’apocalisse nucleare basata sull’espansione irrazionale della NATO e sulle politiche russofobe arroganti apparentemente ignare della realtà che il conflitto in Ucraina è ora diventato una questione di importanza esistenziale per la Russia.

Gli Stati Uniti e i loro alleati nell ‘”Occidente collettivo” ora devono decidere se il proseguimento di una politica decennale di isolamento e distruzione della Russia è una questione di importanza esistenziale per loro e se il continuo sostegno a un governo ucraino che è poco più della manifestazione moderna dell’odiosa ideologia di Stepan Bandera vale la vita dei rispettivi cittadini e quella del resto del mondo.

L’orologio del giorno del giudizio è letteralmente un secondo a mezzanotte e noi in Occidente abbiamo solo noi stessi da incolpare.

L’ordine di Putin di avviare una mobilitazione parziale delle forze militari russe continua uno scontro tra la Russia e una coalizione di nazioni occidentali guidata dagli Stati Uniti iniziata alla fine della Guerra Fredda.

La guerra non è mai una soluzione; ci sono sempre alternative che avrebbero potuto – e avrebbero dovuto – essere perseguite da coloro a cui è stato affidato il destino della società globale prima che fosse dato l’ordine di mandare i giovani di una nazione a combattere e morire. Qualsiasi leader nazionale degno del suo nome dovrebbe cercare di esaurire ogni altra possibilità per risolvere i problemi che devono affrontare i rispettivi paesi.

Se visto nel vuoto, l’annuncio del presidente russo Vladimir Putin mercoledì, in un discorso televisivo al popolo russo , di aver ordinato la mobilitazione parziale di 300.000 riservisti militari per integrare circa 200.000 militari russi attualmente impegnati in operazioni di combattimento sul suolo Ucraino sembrerebbe l’antitesi della ricerca di un’alternativa alla guerra.

Questo annuncio è stato fatto parallelamente a quello che autorizzava lo svolgimento di referendum sul territorio Ucraino attualmente occupato dalle forze russe sulla questione dell’unione di questi territori con la Federazione Russa.

Viste isolatamente, queste azioni sembrerebbero rappresentare un assalto frontale al diritto internazionale come definito dalla Carta delle Nazioni Unite, che vieta gli atti di aggressione di una nazione nei confronti di un’altra allo scopo di impadronirsi del territorio con la forza delle armi. Questo è stato il caso del presidente degli Stati Uniti Joe Biden parlando all’Assemblea generale delle Nazioni Unite poche ore dopo l’annuncio di Putin.

“Un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha invaso il suo vicino, ha tentato di cancellare uno stato sovrano dalla mappa”, ha detto Biden. “La Russia ha spudoratamente violato i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite”.

La storia, tuttavia, è un’amante dura, dove i fatti diventano scomodi alla percezione. Se vista attraverso il prisma del fatto storico, la narrativa promulgata da Biden viene capovolta. La realtà è che dal crollo dell’Unione Sovietica alla fine del 1991, gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno cospirato per soggiogare la Russia nel tentativo di garantire che il popolo russo non sia mai più in grado di lanciare una sfida geopolitica a un americano definita da un “ordine internazionale basato sulle regole” che era stato imposto al mondo all’indomani della seconda guerra mondiale.

Per decenni, l’Unione Sovietica ha rappresentato una tale minaccia. Con la loro scomparsa, gli Stati Uniti e i loro alleati erano determinati a non permettere mai più al popolo russo – la nazione russa – di manifestarsi in modo simile.

La Germania occidentale aderì alla NATO nel 1955, il che portò alla formazione del rivale Patto di Varsavia durante la Guerra Fredda. (Bundesarchiv, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons)

Quando Putin ha parlato della necessità di “passi necessari e urgenti per proteggere la sovranità, la sicurezza e l’integrità territoriale della Russia” dalle “politiche aggressive di alcune élite occidentali che cercano con ogni mezzo necessario di mantenere la loro supremazia”, ​​aveva questa storia in mente.

L’obiettivo degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali, ha dichiarato Putin, era “indebolire, dividere e infine distruggere il nostro paese” promulgando politiche progettate per far sì che “la Russia stessa si disintegri in una moltitudine di regioni e territori che sono mortalmente nemici l’uno dell’altro .” Secondo Putin, l’Occidente guidato dagli Stati Uniti “ha intenzionalmente incitato all’odio nei confronti della Russia, in particolare in Ucraina, a cui hanno destinato il destino di una testa di ponte anti-russa”.

La terza legge del moto di Newton, che per ogni azione c’è una reazione uguale e contraria, si applica anche alla geopolitica.

Il 24 febbraio Putin ha ordinato alle forze armate russe di avviare quella che ha definito una “Operazione militare speciale” (SMO) in Ucraina. Putin ha dichiarato che questa decisione è conforme all’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite e ai principi dell’autodifesa preventiva collettiva come definiti dal diritto internazionale.

Gli obiettivi di questa operazione erano proteggere le nuove repubbliche indipendenti di Lugansk e Donetsk (denominate collettivamente la regione del Donbass) da un pericolo imminente rappresentato da un accumulo di forze militari ucraine che, secondo la Russia, erano pronte ad attaccare.

L’obiettivo dichiarato della SMO era quello di salvaguardare il territorio e le persone delle repubbliche di Lugansk e Donetsk eliminando la minaccia rappresentata dall’esercito ucraino. Per raggiungere questo obiettivo, la Russia ha abbracciato due obiettivi primari: la smilitarizzazione e la denazificazione.

La smilitarizzazione dell’Ucraina sarebbe realizzata attraverso l’eliminazione di tutte le infrastrutture e le strutture organizzative affiliate all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico o alla NATO; la denazificazione comporterebbe un simile sradicamento dell’odiosa ideologia dell’ultranazionalista ucraino Stepan Bandera, responsabile della morte di centinaia di migliaia di ebrei, polacchi e di etnia russa durante la seconda guerra mondiale e in un decennio di resistenza antisovietica dopo la fine della guerra.

Fiaccolata per Stepan Bandera a Kiev, 1 gennaio 2020. (A1/Wikimedia Commons)

A partire dal 2015, la NATO aveva addestrato ed equipaggiato l’esercito ucraino allo scopo di affrontare i separatisti filo-russi che avevano preso il potere nel Donbass in seguito alla cacciata del presidente ucraino filo-russo Victor Yanukovich in una violenta insurrezione, nota come “Maidan Revolution”, guidati dai partiti politici ucraini di destra che professano fedeltà alla memoria di Stepan Bandera.

L’Ucraina ha perseguito l’adesione alla NATO dal 2008, consacrando questo obiettivo nella sua costituzione. Sebbene l’effettiva adesione all’Ucraina fosse ancora sfuggita all’Ucraina nel 2022, il livello di coinvolgimento della NATO con le forze armate ucraine ne ha fatto un’estensione de facto dell’alleanza NATO.

La Russia considerava la combinazione dell’adesione alla NATO con l’atteggiamento anti-russo del governo ucraino post-Maidan, legato com’era all’ideologia di Bandera, come una minaccia alla propria sicurezza nazionale. L’SMO è stato progettato per eliminare quella minaccia.

Due fasi dell’operazione russa

Per circa i primi sei mesi, l’operazione militare russa potrebbe essere suddivisa in due fasi distinte. Il primo è stato uno sforzo in stile blitzkrieg progettato per scioccare l’esercito e il governo ucraini fino alla sottomissione. In caso contrario, avrebbe dovuto modellare il campo di battaglia in modo da isolare le forze ucraine radunate vicino alla regione del Donbass prima del loro impegno decisivo da parte dell’esercito russo nella seconda fase, iniziata il 25 marzo.

La fase due della SMO, la “battaglia per il Donbass”, si è svolta nei mesi di aprile, maggio, giugno e luglio e ha comportato una guerra brutale in stile carne macinata nel terreno urbano e tra le fortificazioni difensive che erano state preparate dalle forze ucraine nel corso degli ultimi otto anni.

La Russia ha ottenuto vittorie lente e agonizzanti, in una guerra di logoramento che ha visto la Russia infliggere orribili perdite alle forze armate ucraine. L’entità del danno arrecato dalla Russia all’esercito ucraino era tale che alla fine di luglio quasi l’intero inventario di armi dell’era sovietica che l’Ucraina possedeva all’inizio dell’OSM era stato distrutto, insieme a oltre il 50 per cento delle sue armi. componente militare in servizio attivo.

Normalmente, nel valutare le cifre delle vittime di questa portata, qualsiasi analista militare professionista avrebbe ragione a concludere che la Russia aveva, in effetti, raggiunto il suo obiettivo di smilitarizzazione, che logicamente avrebbe dovuto essere seguito dalla resa del governo ucraino a condizioni che avrebbero portato al tipo di cambiamento politico fondamentale necessario per attuare l’obiettivo russo della denazificazione e, con esso, garantire la neutralità dell’Ucraina.

Kadyroviti ceceni insieme alle truppe regolari russe e ai miliziani separatisti nel Donbass a giugno. (CC BY 3.0, Wikimedia Commons)

Ma le stesse forze che Putin aveva descritto nel suo discorso di mobilitazione cospirarono per promuovere la loro agenda anti-russa versando decine di miliardi di dollari di aiuti militari (eccedendo, in una specie di mesi, l’intero budget annuale della difesa della Russia) progettati per promuovere una vittoria ucraina, ma piuttosto accelerare una sconfitta strategica russa.

“Mentre una volta l’obiettivo principale dell’Occidente era difendersi dall’invasione [russa]”, ha osservato il giornalista Tom Stevenson in un editoriale sul New York Times , “è diventato l’attrito strategico permanente della Russia”.

La fornitura di aiuti militari di questa portata è stata una svolta, che le forze militari russe responsabili dell’attuazione della SMO non sono state in grado di superare. Questa nuova realtà si è manifestata nella prima metà di settembre, quando l’Ucraina ha lanciato una grande controffensiva che è riuscita a sfrattare le forze russe dal territorio della regione di Kharkov che era stato occupato dall’inizio dell’OSM.

Nuovo paradigma della minaccia

Il presidente russo Vladimir Putin con il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu dopo le cerimonie di deposizione delle corone di fiori presso la tomba del milite ignoto a giugno. (Kremlin.ru, CC BY 4.0, Wikimedia Commons)

Mentre la Russia è stata in grado di stabilizzare le sue difese e, infine, fermare l’offensiva ucraina, infliggendo un numero enorme di vittime alla forza d’attacco, la realtà che la Russia stava affrontando un nuovo paradigma di minaccia in Ucraina, uno che ha visto l’esercito russo combattere un esercito ucraino ricostituito che era diventato di fatto un proxy dell’alleanza NATO guidata dagli Stati Uniti.

Di fronte a questa nuova realtà, Putin ha informato il popolo russo di ritenere “necessario prendere la seguente decisione, che risponde pienamente alle minacce che dobbiamo affrontare: per difendere la nostra patria, la sua sovranità e integrità territoriale, e la sicurezza del nostro popolo e quello della popolazione e per garantire le aree liberate, ritengo necessario sostenere la proposta del Ministero della Difesa e dello Stato Maggiore Generale di introdurre una mobilitazione parziale nella Federazione Russa”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO farebbero bene a riflettere sulla lezione inerente a Osea 8:7: chi semina vento, raccoglie tempesta.

O, in altre parole, la Terza Legge di Newton è tornata con una vendetta.

La decisione di Putin di ordinare una mobilitazione parziale dell’esercito russo, unita alla decisione di condurre i referendum nel Donbass e nell’Ucraina occupata, trasforma radicalmente l’Osmo da un’operazione di portata limitata a un’operazione legata alla sopravvivenza esistenziale della Russia. Una volta condotti i referendum e trasmessi i risultati al parlamento russo, quello che ora è il territorio dell’Ucraina diventerà, in un colpo solo, parte della Federazione Russa, la patria russa.

Tutte le forze ucraine che si trovano sul territorio delle regioni da incorporare in Russia saranno viste come occupanti; e il bombardamento ucraino di questo territorio sarà trattato come un attacco alla Russia, innescando una risposta russa. Mentre la SMO era stata, in base alla progettazione, implementata per preservare l’infrastruttura civile ucraina e ridurre le vittime civili, un’operazione militare post-SMO sarà configurata per distruggere una minaccia attiva alla stessa Madre Russia. I guanti si staccheranno.

USA e NATO affrontano una decisione 

7 aprile 2021: una guardia d’onore in Ucraina durante la visita di un comitato militare della NATO. (NATO)

Gli Stati Uniti e la NATO, dopo essersi impegnati in un programma progettato per sconfiggere la Russia per procura, devono ora decidere se continuare a portare avanti il ​​loro sostegno politico e materiale all’Ucraina e, in caso affermativo, in quale misura. L’obiettivo rimane la “sconfitta strategica” della Russia o gli aiuti saranno personalizzati semplicemente per aiutare l’Ucraina a difendersi?

Sono due obiettivi completamente diversi.

Uno consente il continuo logoramento di qualsiasi forza russa che cerchi di proiettare il potere dal territorio russo in Ucraina ma, così facendo, rispetta la realtà, se non la legittimità, dell’incorporazione russa del Donbass e dei territori ucraini meridionali sotto occupazione nel Federazione Russa.

L’altro continua a sostenere l’attuale politica del governo ucraino e dei suoi alleati occidentali di sfrattare la Russia dal Donbass, dall’Ucraina occupata e dalla Crimea. Questo significa attaccare la Madre Russia. Questo significa guerra con la Russia.

Da parte sua, la Russia si considera già in guerra con l’Occidente. “Siamo davvero in guerra con… la NATO e con l’Occidente collettivo“, ha affermato il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu in una dichiarazione che ha fatto seguito all’annuncio di Putin sulla mobilitazione parziale.

“Intendiamo non solo le armi che vengono fornite in grandi quantità. Naturalmente, troviamo il modo di contrastare queste armi. Abbiamo in mente, ovviamente, i sistemi occidentali che esistono: sistemi di comunicazione, sistemi di elaborazione delle informazioni, sistemi di ricognizione e sistemi di intelligence satellitare”.

In questo contesto, la mobilitazione parziale russa non è concepita per sconfiggere l’esercito ucraino, ma per sconfiggere le forze della NATO e dell’“Occidente collettivo” che si sono radunate in Ucraina.

E se queste risorse della NATO sono configurate in un modo che è ritenuto dalla Russia come una minaccia per la patria russa…

“Naturalmente”, ha detto Putin nel suo discorso sulla mobilitazione parziale, “se l’integrità territoriale del nostro Paese è minacciata, useremo tutti i mezzi a nostra disposizione per difendere la Russia e il nostro popolo”, un riferimento diretto all’arsenale nucleare russo.

“Questo non è un bluff”, ha sottolineato Putin. “I cittadini della Russia possono essere certi che l’integrità territoriale della nostra patria, la nostra indipendenza e la nostra libertà, lo ribadisco, saranno salvaguardate con tutti i mezzi a nostra disposizione. E coloro che stanno cercando di ricattarci con armi nucleari devono sapere che anche la rosa dei venti può girare nella loro direzione”.

Questo è ciò a cui il mondo è arrivato: una folle corsa verso l’apocalisse nucleare basata sull’espansione irrazionale della NATO e sulle politiche russofobe arroganti apparentemente ignare della realtà che il conflitto in Ucraina è ora diventato una questione di importanza esistenziale per la Russia.

Gli Stati Uniti e i loro alleati nell ‘”Occidente collettivo” ora devono decidere se il proseguimento di una politica decennale di isolamento e distruzione della Russia è una questione di importanza esistenziale per loro e se il continuo sostegno di un governo ucraino che è poco più della manifestazione moderna dell’odiosa ideologia di Stepan Bandera vale la vita dei rispettivi cittadini e quella del resto del mondo.

L’orologio del giorno del giudizio è letteralmente un secondo a mezzanotte e noi in Occidente abbiamo solo noi stessi da incolpare.

SOSTIENI DATABASE ITALIA (QUI) o sulla pagina dedicata (qui)

Database Italia è attivamente preso di mira da forze potenti che non desiderano che sopravviviamo. Il tuo contributo, per quanto piccolo, ci aiuta a restare a galla. Accettiamo pagamenti volontari per i contenuti disponibili gratuitamente su questo sito Web

Related Posts