restrizioni-covid,-introiti-
tari-calati-di-716mila-euro

Restrizioni Covid, introiti Tari calati di 716mila euro

Stanziamenti urgenti per i centri estivi, il cuo avvio altrimenti sarebbe a rischio, ma anche fondi per finanziare la riduzione degli introiti della Tari, i cui importi sono calati a causa delle chiusure e delle restrizioni che negli ultimi 12 mesi hanno interessato diverse categorie economiche: queste le motivazioni che hanno richiesto, con urgenza, una variazione nel bilancio di previsione, approvata nel corso del consiglio comunale di lunedì.

Per quanto riguarda i centri estivi sono stati fissati due stanziamenti, rispettivamente di 117mila e di 150mila euro, a cui si sono aggiunti altri 200mila euro relativi al contributo regionale “Bando estate insieme”, per garantire l’avvio delle iniziative nel mese di luglio.

In merito alla Tari, l’importo da mettere a bilancio è stato pari a 716mila euro, (anch’esso, come gli altri, nell’ambitro del decreto “Sostegni Bis”). Questo per finanziare “la riduzione della Tari dovuta dalle categorie economiche interessate dalle chiusure e dalle restrizioni nell’esercizio delle attività in quanto necessitava di un utilizzo immediato ed urgente in considerazione della definizione delle tariffe Tari da approvare entro il 30 giugno 2021”.

Accanto a questo, si sono aggiunti 380mila euro, stanziati allo scopo di “realizzare interventi di adeguamento e integrazione dell’impianto di ricambio d’aria e riscaldamento di diversi locali destinati a camerini nonché alla platea del Teatro Ponchielli”, per un importo di 380.000. lb

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *