riso-al-salto

Il riso al salto è una tipica preparazione della cucina lombarda. Nata come ricetta per riciclare gli avanzi del risotto giallo del giorno prima, ora il Riso al salto costituisce un piatto che spesso si trova anche nei ristoranti tipici milanesi. Io ho scopeto questo piatto guardando una puntata di Hell’s Kitchen, ammetto che prima di allora ignoravo la sua esistenza, ma una volta vista la sua preparazione, mi è venuta una gran voglia di cucinarlo, buonissimo e davvero un’ottima idea per “nobilitare” del risotto avanzato! Amiche io vi lascio alla ricetta, così come l’ho preparata io, se avete consigli o suggerimenti da darmi per la prossima volta che preparerò il riso al salto, ditemi pure, io vi saluto e vi auguro una buona giornata. Un bacio, Flavia

Procedimento per preparare il riso al salto

Pulite la cipolla, tagliatela finemente e fatela appassire in una casseruola con un filo d’olio e 1/3 del burro.
1 cipolla e burro

Unite il riso e fatelo tostare.
2 aggiungere riso

Sciogliete lo zafferano nel vino bianco, aggiungetelo al riso e fatelo sfumare a fiamma medio-alta.
3 aggiungere zafferano

Ricoprite con il brodo bollente e portate a cottura, aggiungendo altro brodo caldo un mestolo per volta all’occorrenza.
4 cuocere riso
6 cuocere riso
Cuocete il riso ben al dente (in media ci vorranno circa 15 minuti), quindi togliete la casseruola dal fuoco, mantecate con il parmigiano e metà del burro rimanente e aggiustate di sale. Lasciate raffreddare completamente.
7 mantecare con burro e formaggio
8 mantecare con burro e formaggio

Una volta freddo poggiate un coppapasta da 10 cm su un piatto, metteteci 1/4 del riso e compattate bene. Ripetete per creare i 4 dischi.Mettete quindi in frigo a rassodare per 1 ora.
9 dare forma
10 dare forma

Fate sciogliere in padella il burro rimanente ( andrebbe messo il burro chiarificato), quindi cuocete i dischi di riso fino a farli dorare bene da entrambi i lati.

12 saltare riso
13 girare riso

Servite il vostro riso al salto subito.
riso al salto

Ricette correlate

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *