ristoranti,-altro-che-riaperture.-arriva-l’ennesima-presa-in-giro:-il-“pranzo-lampo”

Ristoranti, altro che riaperture. Arriva l’ennesima presa in giro: il “pranzo lampo”

I ristoranti sperano di riaprire dopo il 20 aprile. È questa la nuova data che circola nei corridoi del governo. Ma, sempre dal governo, sembra spuntare l’ennesima presa in giro: riaprire sì, ma con “pranzi lampo”. Mentre Campania, Valle d’Aosta e Puglia resteranno in zona rossa, l’Italia arancione spera nelle riaperture, magari prima di maggio. Si tratta di Trentino, Alto Adige, Veneto, Umbria, Marche e Abruzzo che sono rientrate nei numeri da zona gialla. E così tornano a sperare i ristoranti, tra le categorie che più stanno soffrendo chiusure e limitazioni di orari e servizio. Ma per loro si profilano condizioni molto stringenti. (Continua a leggere dopo la foto)

“L’orientamento del governo – scrive il Corriere della sera – è quello di sottoporre agli esperti del Cts di consentire l’apertura dei locali a pranzo ma con un orario ridotto anti-aperitivo. Già, perché i ristoranti dovranno riabbassare la saracinesca per il il servizio alle 15 o alle 16. Naturalmente non prima del 20 aprile, data del check sui dati epidemiologici per possibili aperture decisa nell’ultimo decreto del governo”. Una finestra stretta per il pranzo, dunque. Che è finalizzata a evitare assembramenti e gente fuori dai locali all’ora dell’aperitivo con l’arrivo della bella stagione. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Dovevano nazionalizzare le autostrade, invece ora le vogliono dare agli spagnoli

Una “concessione”, come sottolinea anche Il Tempo, “molto limitante, che restringe ulteriormente la possibilità di recuperare qualcosa da parte delle categorie della ristorazione appese all’asporto e al delivery, che naturalmente non possono compensare le perdite di un anno di stop a singhiozzo. Intanto il governo pensa anche di rinnovare l’esenzione dalla tassa per chi ha spazi all’aperto, ma forse non per i bar”. (Continua a leggere dopo la foto)

Tornano a sperare per una riapertura dopo il 20 aprile anche cinema, teatri, musei e il settore delle mostre che dovevano riaprire il 27 marzo. Ma poi non se ne è fatto nulla. Insomma, il governo continua a procedere a tastoni, non rendendosi minimamente conto della difficoltà della gestione di un locale e della necessità che hanno i ristoranti di avere informazione certe e in tempo celeri.

Ti potrebbe interessare anche: Dovevano nazionalizzare le autostrade, invece ora le vogliono dare agli spagnoli

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *