sanita,-irto:-“ancora-una-volta-discussione-fuori-tempo-massimo,-alla-calabria-non-basta-il-compitino”

Sanità, Irto: “ancora una volta discussione fuori tempo massimo, alla Calabria non basta il compitino”

Calabria, Irto: “la gravità della situazione nella nostra regione è tale da non poter essere fronteggiata con una mera opera di dissimulazione o, peggio, di pura propaganda. Dal governo regionale riceviamo l’ennesima prova di inadeguatezza”

“La gravità della situazione nella nostra regione è tale da non poter essere fronteggiata con una mera opera di dissimulazione o, peggio, di pura propaganda. Dal governo regionale riceviamo l’ennesima prova di inadeguatezza mentre l’intero territorio rischia di andare incontro ad una crisi sanitaria del tutto incontrollabile“. E’ quanto affermato da Nicola Irto, consigliere regionale del Partito democratico e candidato alla presidenza della Regione Calabria, intervenendo oggi in aula a Palazzo Campanella alla presenza del commissario regionale alla Sanità, Guido Longo. “Arriviamo a questa discussione – ha aggiunto Irto – mentre il tasso di positività al Covid-19 in Calabria si attesta al 13%. In Italia è al 4%. La sola area della provincia di Cosenza, per fare l’esempio più eclatante, è funestata dai contagi e il numero dei decessi sfiora quota 1000 in regione. Confrontando la situazione attuale con il resto del Paese, siamo ai livelli che l’Italia riscontrava tre mesi fa. E il caos nel tracciamento dei contagi e nell’organizzazione delle misure di prevenzione e di vaccinazione è conclamato, tanto da apparire irrisolvibile. La Giunta regionale va a caccia di responsabili e capri espiatori, ma la responsabilità e in larga parte la propria. E in queste settimane abbiamo solo assistito a blitz e scene surreali. E il ritardo con cui la riunione del Consiglio regionale arriva a discutere di questo tema è paradigma della confusione e dell’incapacità politica in cui opera questa maggioranza”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *