sant-ambroeus:-riapre-uno-dei-locali-storici-di-milano

Sant Ambroeus: riapre uno dei locali storici di Milano

«Portiamo con noi a Milano quanto raccolto durante anni di duro lavoro nel settore hospitality negli Stati Uniti», spiega Gherardo Guarducci, Founder ed Executive Chairman del gruppo. «Sono venuto a Milano per seguire i lavori e assicurarmi che l’apertura rimanesse fedele al DNA che dal 1936 contraddistingue il brand», sottolinea Gaetano Guarducci – Business Development e Operations Vice Presidente che ha guidato il progetto, incaricato di supervisionare la ristrutturazione del ristorante.

«Quando ho immaginato il design del ristorante, ho pensato subito alla sede originale che si trovava già a Milano», racconta Fabrizio Casiraghi che – già attivo a New York e Parigi – ha disegnato anche gli spazi di Sant Ambroeus Milano, «La mia idea non era di restaurare completamente gli spazi, ma piuttosto concentrarmi su come metterne in luce il carattere istituzionale, la sensazione che il ristorante abbia sempre fatto parte dell’edificio, utilizzando materiali nobili come legno, pietra e mosaico. Volevo renderlo più moderno mantenendo la sobria eleganza delle forme e dei materiali».

Nel suo progetto, Casiraghi ha voluto creare una corrispondenza tra gli interni e l’esterno dell’edificio, risalente agli anni Trenta. «Ho utilizzato legni verniciati, mosaici a pavimento, colori bianco/crema che si ritrovano in molti interni di design milanese, linee rette che lo rendono un luogo senza tempo. Abbiamo quindi applicato questi codici che fanno parte anche del mio patrimonio personale, che ritroviamo ad esempio nella famosa Villa Necchi», sottolinea. Il risultato è un ambiente «senza tempo, chic, confortevole, moderno».

Dalla cotoletta al panettone: un’offerta non-stop

La location sarà aperta tutto il giorno (dalle 7 e 30 a mezzanotte) per colazione, pranzo e cena. L’offerta gastronomica si sviluppa sotto la direzione di Iacopo Falai e celebra le origini del ristorante e la tradizione meneghina, dando spazio a quanto il gruppo ha costruito negli Stati Uniti, con un tocco internazionale. Tra i grandi classici: la cotoletta alla milanese e gli spaghetti al pomodoro, insieme a creazioni dedicate a questa nuova location, come le linguine al prezzemolo (le linguine Pastificio Mancini, i gamberi rossi di Mazara del Vallo, la salsa al prezzemolo, bisque di gamberi e peperoncino) e il lobster roll. Dalla brioche a colazione al lunch con hambuger, fino alla cena con cotoletta alla milanese. Il menu rispecchia lo spirito del posto: un mix and match fatto di tradizione e contemporaneità. La sensazione è che il “nuovo” Sant Ambroeus sia già un place-to-be, oggi come ieri.

Related Posts