scuola,-si-va-verso-chiusura-in-zona-rossa:-la-direttiva-nel-nuovo-dpcm

Scuola, si va verso chiusura in zona rossa: la direttiva nel nuovo Dpcm

Scuola, si va verso la chiusura totale in zona rossa e nelle regioni ad alto rischio. È quanto emerso in cabina di regia

scuola zona rossa
Scuola, si va verso la chiusura in zona rossa (Getty Images)

A partire dal prossimo 6 marzo, entrerà ufficialmente in vigore il primo Dpcm del nuovo governo Draghi. Tante le modifiche, volte a contenere il contagio da Covid visto l’avvento delle varianti. Tra i tanti temi trattati negli ultimi giorni a Palazzo Chigi, c’è anche quello relativo alla scuola e all’istruzione.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, si va verso una chiusura totale in zona rossa e nelle altre regioni ad alto rischio, con 250 casi ogni 100mila abitanti. Questa, almeno, è la linea emersa in cabina di regia a Palazzo Chigi. La soluzione sarebbe in linea con le indicazioni del Cts in merito all’istruzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, l’Inail copre anche gli infermieri no vax: la decisione

Scuola, cosa cambia col nuovo Dpcm

ritorno a scuola
Questo è almeno quanto emerso in cabina di regia a Palazzo Chigi (Getty Images)

Col prossimo Dpcm, si va verso la chiusura totale anche delle scuole elementari e medie in zona rossa. Questo è quanto emerge dalla cabina di regia a Palazzo Chigi, dove in questi giorni si sta discutendo di tutte le strette che andranno a comporre le nuove misure anti Covid in tutta Italia. Anche le regioni che raggiungono i 250 casi ogni 100mila abitanti avranno la facoltà di chiudere e di applicare il modello della didattica a distanza.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Bassetti a iNews24: “Arcuri? Un parafulmine che ha pagato colpe non sue”

Nel corso della riunione tra governo e regioni di questa mattina – riporta l’Ansa – inizialmente il Cts ha illustrato il suo parere relativo alla situazione epidemiologica a scuola. I ministri degli Affari Regionali Mariastella Gelmini e dell’Istruzione Patrizio Bianchi hanno poi portato la richiesta all’attenzione del governo nel corso della cabina di regia.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *