soccorso-alpino-al-lavoro-per-infortuni-blello,-taleggio,-colere-e-carona

Soccorso alpino al lavoro per infortuni Blello, Taleggio, Colere e Carona

Nella giornata di sabato diversi gli allertamenti per la VI Delegazione orobica del Soccorso alpino: nella maggior parte dei casi si è trattato di infortuni di lieve entità e spesso gli interventi sono stati risolti dall’elicottero di Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza), che ha sempre a bordo un tecnico di elisoccorso del Cnsas.

Poco prima di mezzogiorno, nel comune di Blello, a circa 900 metri di quota, un uomo è caduto e si è infortunato in zona impervia. Alle 13 a Taleggio in Val Brembana, quota 1389 metri, una persona si è infortunata a un polso. Poco dopo, a Colere, intervento nei pressi di una baita a 2000 metri: un uomo è inciampato e nella caduta ha riportato alcune ferite al volto; i tecnici sono saliti con la jeep, lo hanno assistito e portato dove aveva lasciato l’auto; l’uomo è poi rientrato in modo autonomo.

Intervento anche a Carona, per un ragazzo che aveva un problema a un ginocchio; è stato messo in sicurezza e trasportato con la barella fino al mezzo fuoristrada e poi all’ambulanza.

Alcuni interventi per piccoli infortuni durante una manifestazione sportiva: un atleta ha riportato la sospetta frattura di una caviglia, allora quattro tecnici si sono portati in quota grazie anche a Enel, che ha messo a disposizione la funivia per accelerare i tempi, e con la barella lo hanno portato a valle. Infine, soccorsa una ragazza nella zona del rifugio Calvi: aveva una ferita a un ginocchio; è stata valutata dal punto di vista sanitario, messa in sicurezza e accompagnata a Carona.

Infine, altri interventi per contusioni multiple a seguito di una ruzzolata, una persona soccorsa per ipotermia, due per sfinimento e una per lussazione a un dito tra il Brunone e il Coca.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *