t2-della-valle-brembana,-pubblicato-il-bando-di-gara:-in-autunno-il-cantiere-–-bergamonews

T2 della Valle Brembana, pubblicato il bando di gara: in autunno il cantiere – BergamoNews

Bergamo. È stato reso pubblico, in data odierna, il Bando di gara per la progettazione esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione esecutiva, esecuzione dei lavori, fornitura e attrezzaggio dei veicoli tramviari per la realizzazione della linea tramviaria T2 della Valle Brembana Bergamo-Villa d’Almè, per un importo a base di gara di 176.523.340,56 euro. Il termine per la presentazione delle offerte è il 16 febbraio 2023 e la stipula del contratto con l’assegnazione dei lavori è prevista entro maggio 2023.

Procede quindi a passo spedito la realizzazione della nuova linea T2 che collegherà i comuni tra Bergamo e Villa D’Almè in direzione Valle Brembana, arricchendo con una nuova linea tranviaria l’offerta di mobilità alternativa della provincia di Bergamo. Grazie alla pubblicazione del bando di gara e al cronoprogramma che ne consegue, i lavori si stima inizieranno entro ottobre 2023, mentre l’avvio del servizio è previsto per il mese di luglio 2026.

Le tappe del progetto e il finanziamento.

Il progetto di fattibilità tecnico-economica della Linea T2, sviluppato da TEB nel dicembre 2018, in collaborazione con il Comune di Bergamo e l’Università degli Studi di Bergamo e corredato degli accordi sottoscritti con la Regione, la Provincia ed i Comuni interessati dal tracciato, è stato accolto e finanziato nel 2019 dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Nello specifico l’investimento complessivo di 211,5 milioni di euro, risulta finanziato per 151,5 milioni di euro dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; per 40 milioni di euro di cofinanziamento da Regione Lombardia, per 9,5 milioni di euro dal Comune e Provincia di Bergamo e 4 milioni di euro dagli altri Comuni interessati dal tracciato, quest’ultimi finanziati per 3 milioni dal Consorzio BIM.

Il progetto definitivo è stato realizzato dal Raggruppamento temporaneo di progettisti denominato “RTI Tramsì” – costituito da ITALFERR in qualità di mandataria e, in qualità di mandanti, E.T.S., S.D.A. PROGETTI e Ing. Arini. L’architetto Belloni, su mandato di TEB, ha inoltre fornito la consulenza progettuale per la qualità paesaggistica dei manufatti e delle tratte più significative.

Le caratteristiche della Linea T2

La Linea T2 da Bergamo a Villa d’Almè si sviluppa sul sedime della ex Ferrovia della Valle Brembana, attraversa 5 comuni e interessa una popolazione di oltre 240 mila abitanti.

Il percorso si snoda per 11,5 km e nel primo tratto urbano condivide il tracciato e le due fermate esistenti (Borgo Palazzo e San Fermo) della Linea T1. Dalla successiva nuova fermata Bronzetti, d’interscambio tra le due linee tramviarie, la T2 prosegue lungo il tracciato della vecchia ferrovia della Valle Brembana, dismessa nel 1966. Le fermate previste in totale sono 17: 9 a Bergamo, 2 a Ponteranica, 2 a Sorisole, 2 ad Almè, 2 a Villa d’Almè. Il progetto prevede la predisposizione di 2 ulteriori fermate, previste in collegamento agli interventi di riqualificazione urbanistica nelle aree dell’ex Reggiani a Bergamo e del Gres a Sorisole.

Per il 95% del percorso la Linea T2 si sviluppa lungo un percorso preferenziale e in sede protetta con 23 attraversamenti a raso tra stradali e pedonali. Tutto il tracciato è a doppio binario con l’esclusione della già esistente galleria Ramera (fermata Ponteranica) e del ponte storico sul torrente Rino (fermata Villa d’ Almè). Lungo il tracciato verranno realizzate alcune nuove gallerie (fermata Pontesecco), sovrappassi (fermata S. Antonio) e sottopassi (fermata BG Stadio) per consentire ai tram di proseguire sul percorso del tracciato.

Il tempo di percorrenza da Bergamo a Villa d’Almè è di 30 minuti e il servizio sarà garantito da 11 nuovi tram (1 scorta di esercizio e 1 scorta per la manutenzione), lunghi 32 metri con una capacità massima di 239 passeggeri che si integrano ai 14 della Linea T1 per una flotta complessiva di 25 tram che possono viaggiare su entrambe le linee.

La velocità massima è di 70 km/h. Nel tratto più urbanizzato tra Ponteranica e Bergamo è di 50 km/h che scendono a 15 km/h in prossimità degli attraversamenti stradali.

Lungo la Linea T2 viene realizzato un nuovo deposito in prossimità della fermata Petosino per il ricovero, lavaggio e pulizia di massimo 10 tram. Il Centro di Controllo Operativo di Ranica, già sede, deposito e officina della Linea T1, rimane il cuore operativo di entrambi i servizi tramviari, riducendo in modo significativo i costi di gestione unitari anche del servizio esistente.

I tram viaggeranno secondo l’orario invernale ed estivo – da lunedì a venerdì, sabato e festivi – come per la Linea T1 e il servizio è previsto dalle ore 6.00 alle ore 21.30 con possibilità di estensione della fascia oraria. Nell’ora di punta, con i tram occupati all’82%, si stimano 15.064 passeggeri al giorno, 150 corse e 1.700 km percorsi al giorno, per un totale di 500.000 km/anno e tra i 4,1 e i 4,5 milioni di passeggeri l’anno.

Il nuovo servizio tramviario sarà integrato con i servizi di trasporto pubblico dell’area urbana (linee di bus nei 30 comuni intorno al capoluogo) ed extraurbana della Valle Brembana e della Valle Imagna.

Sono previsti inoltre 7 parcheggi di interscambio per un totale di 515 posti auto e 1 pista ciclopedonale realizzata da TEB, affiancata alla tramvia (San Fermo-Villa d’Almè) della larghezza di 2,5 m, lunga 9.840 m e in connessione con le reti ciclabili esistenti. Il percorso ciclopedonale consentirà un accesso alternativo alle fermate e un collegamento con i centri urbani attraversati dalla linea tramviaria. Ad ogni fermata sono previsti stalli per biciclette e ciclomotori. Tra le fermate Ramera e Paladina i tram fiancheggiano l’area naturalistica del Parco dei Colli, costeggiando aree verdi a sud e centri abitati a nord.

L’analisi trasportistica e la valutazione economica del progetto mostrano benefici di incremento anche sulla linea già esistente; un rapporto benefici/costi di 1,86, un VAN di circa 21 milioni di euro ed un tasso interno di rendimento del 4,2%.

Filippo Simonetti, Presidente TEB: “La pubblicazione del bando rappresenta non solo un altro decisivo passo in avanti per la realizzazione della nuova tramvia, ma un’ulteriore conferma della capacità di TEB di rispettare i serrati tempi programmati. Ciò è stato reso possibile dall’impegno e dalla competenza delle molte professionalità coinvolte, sia interne all’azienda che esterne, e dalla fattiva collaborazione delle istituzioni locali, Comuni, Provincia e Regione, oltre che del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.

Gianni Scarfone, Amministratore Delegato TEB: “Con la pubblicazione del bando di gara per la realizzazione della nuova linea T2 si realizza un altro importante e storico risultato per la nostra Società e per tutto il territorio bergamasco. È per TEB motivo di soddisfazione e di orgoglio. Si apre ora un’ulteriore ed impegnativa fase che porterà all’attivazione del nuovo servizio nel 2026 come richiesto dal PNRR. La realizzazione della nuova linea tramviaria, insieme agli altri importanti investimenti infrastrutturali nel campo dei trasporti previsti, come il collegamento ferroviario con l’aeroporto, l’avvio della riqualificazione e potenziamento della Ponte San Pietro – Montello, la realizzazione della linea eBRT Bergamo – Dalmine – Verdellino, la riconfigurazione dell’area della stazione ferroviaria in un hub integrato di interscambio, modificheranno radicalmente il sistema della mobilità in una prospettiva sempre più orientata alla sostenibilità ambientale ed alla qualità dei servizi”,

© Riproduzione riservata

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!

Related Posts