tutti-parlano-di-astrazeneca-–-ma-gli-altri-non-sono-peggiori?

TUTTI PARLANO DI ASTRAZENECA – MA GLI ALTRI NON SONO PEGGIORI?

Fonte: @waukema usando dati grezzi EMA

Vaccini, AstraZeneca e Johnson&Johnson rischiano il ritiro definitivo dal mercato – Ema verso lo stop

L’Europa dice comunque addio ad AstraZeneca e J&J: nel 2022 stop agli acquisti.

***********

Danno più grande del beneficio – perché lo fanno?

Di Dr. Wolfgang Wodarg 2.4.2020

Un’analisi delle segnalazioni di reazioni avverse ai farmaci in Europa da aprile 2020 a marzo 2021, registrata nel database dell’EMA, fornisce un quadro decisamente allarmante. Eppure l’insensata campagna di vaccinazione continua ostinatamente. Si tratta di morti – e di un numero sempre maggiore di essi!

Per prevenire una sola infezione lieve, più di 140 persone dovrebbero essere “vaccinate” (NNV). Che si prevengano i decorsi gravi, o che si prevenga la contagiosità, non può essere dimostrato. Quindi solo in molto meno dell’1% dei vaccinati ci si può aspettare al massimo un leggero effetto protettivo contro le infezioni da Corona. Più del 99% dei vaccinati non avranno nulla di tutto ciò, perché la maggior parte delle persone sono già immuni (vecchia immunità incrociata). Tutti coloro che si vaccinano, tuttavia, corrono il rischio sempre più minaccioso di gravi effetti collaterali. Non ci sono dati disponibili sugli effetti tardivi e a lungo termine, per esempio in relazione alle malattie autoimmuni o all’infertilità, visto che le approvazioni sono state estremamente affrettate.

Nel periodo da aprile 2020 a dicembre 2020, il numero di reazioni avverse registrate ha oscillato tra le 9.418 e le 12.567 segnalazioni; mediamente, in ognuno di questi mesi sono state registrate 10.847 reazioni avverse.

A gennaio 2021, il numero è salito alle stelle fino a 27.242. Nel febbraio 2021 e marzo 2021, il numero di eventi avversi segnalati è stato rispettivamente di 52.183 e 52.165, un aumento di cinque volte degli eventi avversi negli ultimi due mesi rispetto alla media dell’anno 2020 .

Tutti parlano di AstraZeneca – ma gli altri non sono peggiori?

Un esame attento dei casi riportati mostra che sono stati esclusivamente i nuovi “vaccini” contro la SARS-CoV-2 a causare questo aumento massiccio.

Guardando più da vicino i dati grezzi, si nota che è soprattutto il preparato di mRNA di BioNTech/Pfizer a causare l’alto numero di effetti collaterali. Il numero riportato di effetti collaterali del “vaccino” Moderna è significativamente inferiore, e il numero di eventi avversi per AstraZeneca sembra essere ancora più basso, secondo il database.

Non essendo possibile una correlazione con i diversi gruppi di “vaccinati” (anziani, personale infermieristico, donne, uomini?) e la quantità di dosi utilizzate in ogni caso in modo differenziato, certi rischi particolari possono essere ignorati. A mio parere, questo è gravemente negligente nel caso di una “vaccinazione” genetica sperimentale di massa, che è stata sottoposta ad osservazione per un tempo troppo breve prima della sua approvazione, poiché i possibili rischi, per esempio di formazione di trombi (vedi sotto), sono noti ai responsabili del governo e della PEI.

Il database dell’EMA sta certamente sottovalutando il rischio. La pratica regolare insegna che solo circa il 3 per cento delle reazioni avverse ai farmaci che si verificano effettivamente vengono segnalate alle autorità. Il portale di notizie del Comitato Corona 2020News è a conoscenza, tra l’altro attraverso il rapporto di denuncia della casa di cura di Berlino (Il terribile agonizzare dopo la vaccinazione), che anche le morti in stretta connessione temporale con la vaccinazione non vengono segnalate perché spesso vengono erroneamente interpretate come eventi fatali COVID-19. 2020News ha anche appreso, a proposito di ospedali tra cui la clinica universitaria di Würzburg, che i dipendenti vaccinati non segnalano i loro effetti collaterali, alcuni dei quali gravi. Il congedo per malattia dopo la vaccinazione è frequente.

In vari paesi, il vaccino di AstraZeneca è stato almeno temporaneamente sospeso o non viene più somministrato alle donne sotto i 55 anni a causa di un numero inconsueto di morti attribuite a trombosi venosa cerebrale. Non è chiaro quale effetto abbia portato a così tanti effetti collaterali per quanto riguarda gli altri “vaccini”. (ndr ultime notizie )

Probabilmente motivato dalla necessità di consentire la continuazione della vaccinazione del vaccino di AstraZeneca nonostante la sua crescente cattiva reputazione, una ridenominazione ha ora avuto luogo: Il vaccino di AstraZeneca si chiama ora VAXZEVRIA.

Qui sotto: le ultime statistiche del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) del CDC (USA).

Traduzione a cura di Nogeoingegneria

FONTE https://www.wodarg.com/

Wolfgang Wodarg, pneumologo, epidemiologo, autorità tedesca ed esponente europeo del sistema pubblico della sanità smascherò nel 2009 la mistificazione, la corruzione e i conflitti d’interesse di eminenti virologi e della stessa OMS, in riferimento alla falsa pandemia della “peste porcina”. (VEDI DOCUMENTARIO)

Wodarg si mostra anche oggi critico rispetto alle valutazioni ufficiali e alle misure draconiane intraprese. https://www.wodarg.com/italiano/

VEDI ANCHE

Drammatico aumento dei decessi tra gli anziani dall’ inizio delle vaccinazioni

Il 26 dicembre 2020, la prima anziana in Germania, la residente di 101 anni Edith Kwoizalla, è stata vaccinata contro il coronavirus. Una speciale valutazione dei dati RKI dà un immagine terrificante: dall’inizio delle “vaccinazioni Corona”, il numero di decessi tra gli anziani è aumentato vertiginosamente…

Il numero di persone che sono morte negli ultimi due mesi è stato quasi ovunque alto almeno quanto nei 12 mesi precedenti. In 51 contee il tasso di mortalità è oltre quattro volte più alto, in 22 contee anche più di sei volte.

Poiché questa “intercettazione” richiede molte conoscenze tecniche, non tutti possono semplicemente toccare i dati “solo una volta” e creare “rapidamente” una valutazione arbitraria: l’ostacolo è molto grande.

Tuttavia, Martin Adam lo ha fatto. Ha scritto un programma che utilizza per raccogliere i dati dall’RKI e per effettuare una valutazione speciale per le persone nella fascia di età dagli 80 anni in su , cioè per gli anziani. Quindi esattamente il gruppo che era e sarà vaccinato per primo. Un sacco di know-how è confluito nel lavoro: poiché l’RKI non indica esplicitamente la data di morte, l’ha estratta dai dati grezzi con grandi spese. Ha quindi confrontato il numero di morti cosiddette Covid-19 nella fascia di età per quasi tutto l’anno 2020, dal 1 gennaio 2020 al 27 dicembre 2020 , con il numero di decessi nel periodo dal 28 dicembre 2020 a febbraio 24, 2021.

I risultati sono più che terrificanti.  Il grafico seguente lo illustra per i 22 distretti in cui il tasso di mortalità è più di sei volte superiore in meno di 2 mesi rispetto al (quasi) intero anno 2020.  ARTICOLO INTEGRALE

IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. NoGeoingegneria non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato.Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *