un’ordinanza-congela-la-fiaccolata-per-greta-e-umberto

Un’ordinanza congela la fiaccolata per Greta e Umberto

«Siamo obbligati a sciogliere la fiaccolata. Non siamo stati autorizzati a farla se non in forma statica. Il questore non ci ha autorizzati». Doccia gelata per i promotori della fiaccolata organizzata sabato 10 luglio dalle 21.30 a Maderno, in memoria di Greta Nedrotti e Umberto Garzarella, le due vittime dell’incidente nautico avvenuto il 19 giugno scorso nelle acque del Lago di Garda.

«Scelta dolorosa, non è facile accettarlo» hanno detto le amiche della ragazza, che hanno voluto la manifestazione di vicinanza alle famiglie dei due giovani. I partecipanti, vestiti di bianco come al funerale di Umberto, indossavano una maglietta con la scritta «We are Greta», la frase che dà il nome anche alla pagina Facebook creata per chiedere giustizia. All’evento lanciato online avevano manifestato la volontà di aderire più di 200 persone.

L’estratto dell’ordinanza che prescrive una fiaccolata in forma esclusivamente statica – © www.giornaledibrescia.it

Nell’ordinanza che ha rovinato i piani si legge che la manifestazione, nell’osservanza del distanziamento di almeno un metro tra le persone, è consentita dalle 21.30 alle 23.30 solo in forma statica. Dunque, tutti fermi in piazza San Marco. Dopo qualche minuto, alcuni hanno voluto muoversi in modo ordinato sul lungolago, dove hanno marciato uniti dietro allo striscione su cui campeggiava l’enorme scritta: «Giustizia per Greta e Umberto».

riproduzione riservata © www.giornaledibrescia.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *