vocabolario-ado-translate-–-piu-che-spione,-traditore:-“snitch”-–-lombardia-–-varese-news

Vocabolario Ado Translate – Più che spione, traditore: “Snitch” – Lombardia – Varese News

Dal gergo delle gang anglofone al gergo dei giovanissimi: un nuovo vocabolo per il dizionario “Ado(lescenti) translate” curato dai ragazzi de LaBanda

SNITCH: termine che deriva dall’inglese “to snitch on” indica originariamente l’azione di raccontare alle forze dell’ordine i reati commessi all’interno della propria gang.

Noi ragazzi usiamo il termine “snitch” per indicare generalmente una spia, un infiltrato, chi tradisce la nostra fiducia.

Poi è una parola che si può ritrovare in tante canzoni trap, per esempio “Snitch e Impicci” di Drefgold inizia in questo modo: “Non voglio snitch nel gang”, perché per noi è importante sapere non avere traditori all’interno del gruppo. La gang è tutto, e non è giusto tradire i nostri amici.

Avere uno “snitch” tra i nostri significa avere a che fare con qualcuno di cui non ci si può fidare, perché appena ti giri racconta i fatti tuoi agli altri. Insomma è uno “spione”, da quello che sparla con altri dei fatti nostri fino a quello che racconta, cose più o meno gravi successe all’interno della gang ad un adulto.

Secondo noi è meglio tenersi alla lontana da uno “snitch”, perché se avesse qualcosa da dire preferiremmo che parlasse con noi, invece di “pugnalarci alle spalle”!

Leggi i commenti

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *