“volkswagen-verso-il-taglio-di-5mila-dipendenti-in-germania:-offrira-pensionamenti-anticipati-o-parziali”

“Volkswagen verso il taglio di 5mila dipendenti in Germania: offrirà pensionamenti anticipati o parziali”

La Volkswagen prevede di tagliare fino a 5.000 posti di lavoro nei suoi stabilimenti in Germania, offrendo un pensionamento anticipato o parziale ai dipendenti più anziani con una mossa che potrebbe costare diverse centinaia di milioni di euro. Secondo Bloomberg, che cita il quotidiano Handelsblatt, la casa automobilistica tedesca ha messo a punto un piano per offrire il pensionamento parziale ai nati nel 1964 e il pensionamento anticipato ai nati tra il 1956 e il 1960.

La società ha detto di aspettarsi che fino a 900 lavoratori optino per il pensionamento anticipato, mentre diverse migliaia dovrebbero scegliere il parziale. Secondo Handelsblatt, che nei giorni scorsi aveva anticipato la decisione della compagnia, potrebbero essere tagliati fino a 5mila posti di lavoro.

In quella che sembrerebbe una transizione da casa automobilistica a ‘tech company’ modellata su Tesla, Volkswagen ha inoltre annunciato l’aumento del budget per la formazione dei dipendenti da 40 a 200 milioni di euro. È stato esteso anche il congelamento delle assunzioni fino alla fine del 2021, in precedenza previsto solo per il primo trimestre, mentre le assunzioni esterne possono essere effettuate solo in settori come quello dello sviluppo tecnologico e la digitalizzazione.

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Sindacalisti arrestati e perquisiti dopo scioperi, lavoratori della logistica in piazza: “Prima della loro lotta contratti da 5 euro all’ora” – Video

next


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *