policitemia-vera:-cause,-sintomi,-complicanze-di-un-cancro-spesso-sottovalutato.

Policitemia vera: cause, sintomi, complicanze di un cancro spesso sottovalutato.

Cos’è la Policitemia vera? Si tratta di un cancro del sangue spesso sottovalutato. Ecco cause, sintomi e trattamento.

La policitemia vera è un tipo di cancro del sangue. Fa sì che il tuo midollo osseo produca troppi globuli rossi. Queste cellule in eccesso addensano il sangue, rallentandone il flusso, il che può causare gravi problemi, come i coaguli ematici.

La policitemia vera è rara. Di solito si sviluppa lentamente e potresti averlo per anni senza saperlo. Spesso la condizione si riscontra durante un esame del sangue eseguito per un altro motivo.

Senza trattamento, la policitemia vera può essere pericolosa per la vita. Ma un’adeguata assistenza medica può aiutare ad alleviare i segni, i sintomi e le complicanze di questa malattia.

Principali Sintomi.

Molte persone con policitemia vera non hanno segni o sintomi evidenti. Alcune persone potrebbero sviluppare sintomi vaghi come mal di testa, vertigini, affaticamento e visione offuscata.

I sintomi più specifici della policitemia vera includono:

  • Prurito, soprattutto dopo un bagno o una doccia calda;
  • Intorpidimento, formicolio, bruciore o debolezza alle mani, ai piedi, alle braccia o alle gambe;
  • Una sensazione di pienezza subito dopo aver mangiato e gonfiore o dolore nell’addome superiore sinistro a causa di una milza ingrossata;
  • Sanguinamento insolito, come sangue dal naso o gengive sanguinanti;
  • Gonfiore doloroso di un’articolazione, spesso dell’alluce;
  • Mancanza di respiro e difficoltà a respirare quando si è sdraiati.

Cause.

La policitemia vera si verifica quando una mutazione in un gene causa un problema con la produzione di cellule del sangue. Normalmente, il tuo corpo regola il numero di ciascuno dei tre tipi di globuli che hai: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Ma nella policitemia vera, il midollo osseo produce troppe di alcune di queste cellule del sangue.

La causa della mutazione genetica nella policitemia vera è sconosciuta, ma generalmente non è ereditata dai tuoi genitori.

Fattori di rischio.

La policitemia vera può manifestarsi a qualsiasi età, ma è più comune negli adulti tra i 50 ei 75 anni. Gli uomini hanno maggiori probabilità di contrarre la policitemia vera, ma le donne tendono a contrarre la malattia in età più giovane.

Complicanze.

Possibili complicazioni della policitemia vera includono:

  • Coaguli di sangue. L’aumento dello spessore del sangue e la diminuzione del flusso sanguigno, nonché le anomalie delle piastrine, aumentano il rischio di coaguli di sangue. I coaguli di sangue possono causare un ictus, un attacco di cuore o un blocco in un’arteria dei polmoni o in una vena in profondità all’interno di un muscolo della gamba o nell’addome.
  • Milza ingrossata. La milza aiuta il corpo a combattere le infezioni e a filtrare il materiale indesiderato, come i globuli vecchi o danneggiati. L’aumento del numero di cellule del sangue causato dalla policitemia vera fa sì che la milza lavori più duramente del normale, il che la fa ingrossare.
  • Problemi dovuti a livelli elevati di globuli rossi. Un numero eccessivo di globuli rossi può portare a una serie di altre complicazioni, comprese piaghe aperte sul rivestimento interno dello stomaco, intestino tenue superiore o esofago (ulcere peptiche) e infiammazioni alle articolazioni (gotta).
  • Altre malattie del sangue. In rari casi, la policitemia vera può portare ad altre malattie del sangue, incluso un disturbo progressivo in cui il midollo osseo viene sostituito con tessuto cicatriziale, una condizione in cui le cellule staminali non maturano o non funzionano correttamente, o il cancro del sangue e del midollo osseo ( leucemia acuta).

L’articolo Policitemia vera: cause, sintomi, complicanze di un cancro spesso sottovalutato. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *