tachidol:-effetti-collaterali-anche-gravi-del-paracetamolo-e-codeina.

Tachidol: effetti collaterali anche gravi del paracetamolo e codeina.

Tachidol: quali sono gli effetti collaterali di questo farmaco ampiamente utilizzato? Ecco l’elenco ufficiale dell’Aifa.

Tachidol: l’Agenzia Italiana del Farmaco individua tutti gli effetti collaterali, anche gravi, che possono derivare dall’uso di questo farmaco a base di paracetamolo e codeina.

Possibili effetti indesiderati
Come tutti i medicinali questo medicinale può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li
manifestino.

Se manifesta i seguenti effetti indesiderati INTERROMPA il trattamento con questo medicinale e contatti
immediatamente il medico:

  • respirazione lenta o difficoltosa;
  • confusione;
  • sonnolenza;
  • pupille ridotte;
  • nausea o vomito;
  • stipsi;
  • mancanza di appetito;
  • reazioni allergiche.

Frequenza non nota.

Frequenza non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili):

  • reazioni della pelle di vario tipo e gravità inclusi casi di eritema multiforme, sindrome di Stevens Johnson e necrolisi epidermica (malattie della pelle che si manifestano con macchie rosse, lesioni bollose con aree di distacco della pelle).
  • sono stati segnalati casi molto rari di reazioni cutanee gravi;
  • trombocitopenia;
  • riduzione del numero di globuli bianchi nel sangue (leucopenia/ agranulocitosi);
  • riduzione dell’emoglobina nel sangue, sostanza che trasporta l’ossigeno nel sangue (anemia);
  • eccitazione (euforia);
  • umore depresso con agitazione, irritabilità, nervosismo (disforia);
  • sedazione;
  • infiammazione del fegato (epatite);
  • riduzione della funzionalità dei reni (insufficienza renale acuta);
  • infiammazione dei reni (nefrite interstiziale);
  • sangue nelle urine (ematuria);
  • cessazione o forte riduzione della produzione di urine (anuria);
  • incapacità a svuotare la vescica (ritenzione urinaria);
  • disturbi allo stomaco e all’intestino;
  • infiammazione del pancreas (pancreatite);
  • dolore acuto dell’addome (che si può verificare in particolare nei pazienti che hanno subito l’asportazione
    della colecisti);
  • vertigini;
  • contrazione della muscolatura intorno alle vie respiratorie (broncospasmo).

A dosaggi di codeina superiori a quelli terapeutici vi è un rischio di dipendenza e sindrome da astinenza a seguito di un’improvvisa interruzione della somministrazione che può essere osservata sia nei pazienti sia nei neonati nati da madri codeina-dipendenti (vedere paragrafo “Se interrompe il trattamento con Tachidol”).

In caso di sovradosaggio il paracetamolo può provocare gravi danni al fegato (citolisi epatica che può evolvere verso la necrosi massiva e irreversibile).

Leggi anche:

Paracetamolo (Tachipirina): che fare in caso di reazione allergica?

L’articolo Tachidol: effetti collaterali anche gravi del paracetamolo e codeina. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *